Pagine

venerdì 27 febbraio 2009

Quando manca la motivazione...

Quando manca la motivazione nei giocatori, finisce come ieri sera tra Milan e Werder Brema.

La partita di Uefa di iera sera, è il classico esempio di come tecnica, tattica e talento, da soli non bastano. Il Milan è senza dubbio superiore a tecnica e capacità di giocare a calcio del Werder ma ieri sera, i tedeschi avevano un'arma in più: la MOTIVAZIONE.

Proprio quella che è mancata al Milan: apatico, senza stimoli, molle anche sulle gambe e, soprattutto, senza la giusta concentrazione mentale.

Da milanista mi dispiace di essere stato eliminato dalla Coppa Uefa, ma ieri sera i giocatori del Werder Brema hanno letteralmente meritato sul campo la qualificazione.

Continuo a ripeterlo da una vita, da quando faccio l'allenatore mentale: oltre alla tecnica, alla tattica e alla preparazione fisica, curate l'allenamento mentale. E' determinante se volete VINCERE!!!.

Lascia un commento al post.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach Sportivo
"Che aiuta le persone a raggiungere un obiettivo in 5 passi"

Autore degli ebook Penso Positivo e Donne in Crisi, in uscita il 4 marzo

2 commenti:

Francesco Pattarello ha detto...

Ciao Giancarlo,
sono d'accordo con te.
Trovo incredibile come molte squadre di alto livello curino moltissimi dettagli per poi trascurare l'aspetto mentale.
Aspetto che è fondamentale, specie ad alti livelli, in cui l'importanza del risultato, la pressione dei media e delle società sportive stesse, concorrono a creare ansia da prestazione e mancanza di concentrazione in coloro che, invece, dovrebbero dare il massimo in campo e portare a casa la partita.
E cosa dire dello scivolone dell'Inter di ieri sera?

Francesco Pattarello
Allenatore Mentale

Giancarlo Fornei - Mental Coach - Che aiuta le persone a raggiungere un Obiettivo in 5 Passi ha detto...

Caro Francesco,
in merito all'Allenamento Mentale, in Italia siamo ancora all'anno zero...

pensa che paesi come il Canada, l'Australia e la Danimarca ci passano davanti come treni, senza parlare, naturalmente, degli Stati Uniti e della vicina Inghilterra...

pazienza amico mio, ci vuole pazienza...

un abbraccio