Pagine

martedì 14 dicembre 2010

Il segreto di Bonucci: "Più forte con il motivatore"...

Bonucci, il giovane difensore della Juventus, ha un segreto... il suo motivatore!


Ad una domanda del giornalista Luca Pasquaretta, che gli chiedeva se fosse tutta farina del suo sacco, Bonucci diceva testualmente:

"Devo ringraziare Ventura, che a Bari mi ha insegnato tanto. E poi al mio motivatore.

Una persona che mi segue, che è riuscita a tirare fuori il meglio, quel qualcosa in più che da solo non riesci a raggiungere.

A certi livelli serve testa ed equilibrio. Sono migliorato come uomo e come calciatore".

L'ennesima conferma dell'importanza dell'allenamento mentale a certi livelli.

Si può essere bravi tecnicamente quanto si vuole, ma "allenare la testa a vincere" fa sempre la differenza.

Un plauso a Bonucci per aver ammesso di lavorare con un coach motivatore.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach
"Il Coach delle Donne"

martedì 5 ottobre 2010

Allenare la mente a vincere di giovani ballerini a Gorizia

Venerdì scorso, andando a Trieste per impegni di lavoro, mi sono fermato presso la palestra della Scuola Elementare di Sagrado, a Gorizia.

Ad attendermi, c'erano i ballerini della Società Club Diamante FVG, accompagnati dai direttori tecnici Marisa Benes e Fulvio Settomini.

18 i ragazzi presenti: giovanissimi, giovani e qualcuno un ... più vecchio.

Ho parlato loro dell'importanza di allenare la mente a vincere, partendo proprio dalla loro giovane età.

Mi ricordo di aver raccontato la storia di Thomas Alva Edison e dei suoi innumerevoli tentativi di accendere la famosa lampadina.

Usando proprio la storia per aiutarli a "ristrutturare" la parola sconfitta e far presente, ad ognuno di loro, che ogni volta che perdono una gara è solo un risultato diverso da quello voluto.

Dunque, di fronte ad una sconfitta, è opportuno evitare di farne un dramma e di continuare a lavorare, ad allenarsi con costanza, seguendo i consigli dei loro insegnanti.

Ho parlato poi del famoso "dialogo interno", quella vocina molto spesso negativa che mina l'autostima di molti atleti, anche dei grandi professionisti.

Nello specifico ho consigliato loro di focalizzare l'attenzione, anziché su quella vocina negativa, su due parole magiche: IO POSSO!

Ripetendosi spesso, ogni giorno, la frase motivazionale per eccellenza: Io posso vincere.

Dal dialogo interno siamo poi passati ai comandi in forma positiva, passando per l'eliminazione dalla loro linguistica della negazione "non".

Infine, ho concluso dando loro qualche utile consiglio su come formulare e definire i loro obiettivi.

Insomma, un paio d'ore abbondanti passate tra battute, sorrisi, domande e simpatia.

E' stata una bellissima esperienza e mi congratulo con i due insegnanti per aver creato un gruppo "curioso" e voglioso di apprendere cose nuove.

A Samantha, Clarissa, Giovanni, Franco, Christian, Stefania, Giulia, Giada, Andrea, Francesco, Shani, Yael, Andrea, Antonella, Gabriele, Jessica, Emanuele e Ernesto, il mio grazie per l'accoglienza e l'attenzione che mi hanno riservato.

Sono certo che presto, molto presto, sentiremo parlare di qualcuno di loro, e magari rappresenteranno i colori della bandiera Italiana in qualche competizione internazionale.

Sperando, naturalmente, di non essermi dimenticato nessuno. Ma in quel caso, mi perdoneranno, data la mia età avanzata...

A Marisa e Fulvio, della società Club Diamante FVG, il mio sentito grazie per avermi invitato a "motivare" i loro allievi.

Si percepiva nell'aria la voglia di questi ragazzi di apprendere cose nuove, ed è stata una bellissima esperienza, anche emozionante e ricca di calore umano.

In chiusura, ringrazio una cara amica, Maura Romanelli, per aver fatto il mio nome e suggerito questo incontro.

Tu eri tra i presenti?

Se sì, lasciami un commento al post.

Un abbraccio

Giancarlo Fornei

Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach

"Il Coach delle Donne"

lunedì 30 agosto 2010

Come valutare i giocatori da un punto di vista mentale: stime e strumenti di analisi.

Avevi letto la mia intervista al sito Allenatore.Net?

No?!

Allora cosa aspetti...

vai a questo link, lascia il tuo nome e la tua email e scarica subito il pdf con la mia intervista, la riceverai direttamente nella tua posta elettronica.

Sono certo che vi troverai molte cose interessanti.

A cura di Stefan Chiancone - intervista tratta da Allenatore.Net

Precampionato: istruzioni ed idee per preparare la nuova stagione.

venerdì 20 agosto 2010

Usare l'inconscio per migliorare le prestazioni sportive


E' possibile usare l'inconscio per migliorare le proprie prestazioni sportive?

Certo che sì, anche se non è per nulla facile.

Come dicevo, imparare a guidare il proprio inconscio non è facile, perché come esseri umani siamo formati da abitudini per il 95% e purtroppo, la maggior parte delle persone si "nutre in automatico" di pensieri negativi e di brutte cose.

Per la nostra mente e, di conseguenza per il nostro inconscio, è molto più facile alimentarsi di quello che "non vogliamo", finendo per attrarlo inesorabilmente nella nostra vita.

Per esempio, un calciatore può continuamente "pensare e parlarsi" in negativo (il famoso dialogo interno), ripetendosi frasi come "non riesco a battere il rigore o a calciare bene la punizione" e finendo, pertanto, per influenzare la propria mente inconscia e guidarla negativamente.

Alimentandosi di pensieri negativi e trasformando, nella realtà, i propri pensieri e le proprie paure.

Fidati di me: quel giocatore scenderà in campo e se dovesse calciare un rigore, lo sbaglierà.

Perché lo avrà già sbagliato, prima ancora di scendere in campo, nella sua mente.

La bella notizia che è possibile imparare a guidare il proprio inconscio per migliorare le prestazioni sportive.

Certo, non è facile, ma si può, è possibile.

Devi solo cominciare a "cambiare il Tuo modo di nutrirlo", sostituendo i pensieri negativi con quelli positivi. Le frasi limitanti, con quelle potenzianti.

Nel caso di prima, per esempio, il giocatore potrebbe usare un dialogo interno potenziante e ripetersi una frase come questa: "io posso calciare il rigore e fare goal".

Dunque, imparare a guidare l'inconscio non è per nulla un gioco da ragazzi, ma di sicuro è possibile.

Devi avere la pazienza e la costanza di sostituire i pensieri negativi con quelli positivi. Di cambiare il Tuo dialogo interno.

Solo così potrai imparare a nutrire il Tuo inconscio in maniera potenziante, sino a guidarlo per migliorare le Tue prestazioni sportive.

Devi solo provarci.

Devi solo cominciare dalla piccole cose, dalle piccole frasi motivanti, dai piccoli pensieri positivi.

Comincia in piccolo, e comincia subito a farlo, senza rimandarlo a domani.

Nel mio ultimo audio corso sulle Potenzialità della Mente Inconscia, insegno i segreti che a mia volta ho appreso per imparare a nutrire e guidare la Tua mente.

Scarica l'estratto gratuito del mio Audio Corso Mente Inconscia, clicca su questo link

E Tu, usi l'inconscio per migliorare le Tue prestazioni sportive?

Lasciami un commento al post.

Un grande abbraccio

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale, Scrittore & Mental Coach
"Il Coach delle Donne"

venerdì 26 marzo 2010

Sissoko ammette: la Juve ha paura di sbagliare...

Se ami il calcio e magari sei pure appassionato della "vecchia signora", probabilmente avrai seguito la serie incredibilmente negativa di risultati (record negativo degli ultimi 50 anni).

Sissoko, uno dei leader della squadra, in una intervista dell'altro ieri ha ammesso candidamente che la Juventus entra in campo condizionata dalla paura di sbagliare.

Nell'intervista afferma: "le sconfitte ci fanno arrabbiare tantissimo, così entriamo in campo impauriti e non riusciamo a fare ciò che vorremmo. Dobbiamo assolutamente ritrovare l'autostima e la fiducia in ciò che facciamo".

Caso Sissoko, hai proprio ragione: la Juventus ha bisogno di una sana ed energica dose di autostima.

Non sarebbe male, cari dirigenti bianconeri, rivolgervi ad un buon mental coach e mi raccomando, evitate di fare la brutta figura che ha fatto l'altro giorno la Lazio, annunciando il mental coach alla sera e "licenziandolo" la mattina dopo.

Un abbraccio e lasciami un commento al post

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach
"Il Coach delle Donne"

martedì 9 marzo 2010

A Radio Capodistria c'è Giancarlo Fornei


Giancarlo Fornei a Radio Capodistria, ospite di Marisa Macchi e della sua trasmissione "Nel paese delle donne".

Venerdì 12 marzo, dalle 9 alle 9 e 30 di mattina, sarò ospite di Marisa Macchi, che mi intervisterà sul mio ultimo libro/ebook: Cosa vogliono le donne?

Mi raccomando, ti voglio all'ascolto di Radio Capodistria e passa parola a tutte le amiche ed amici che conosci.

Puoi sintonizzarti anche dal web, a questo link

Ti aspetto su Radio Capodistria, venerdì 12 marzo alle 9 di mattina.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach
"Il Coach delle Donne"

Autore di: Penso Positivo, Donne in Crisi e Cosa vogliono le donne?