Pagine

mercoledì 17 settembre 2008

Le credenze limitanti degli sportivi

Parlo spesso del “cervello di un essere umano e delle sue credenze”. Continuo a ripetere alle persone che fanno coaching con me o partecipano ai miei seminari motivazionali, che “Se Vuoi cambiare la Tua vita in meglio devi prima cambiare la Tua mente”.

La mente umana è fantastica, ha un potenziale semplicemente sbalorditivo ed è un peccato scoprire che l’essere umano è in grado di porsi dei limiti da solo, di boicottare le proprie performance sportive con l’atteggiamento mentale negativo.

Metaforicamente parlando, è come se un atleta ai blocchi di partenza inchiodasse le sue scarpette a terra. Inevitabilmente, allo start, non è in grado di scattare in avanti e perde secondi preziosi nei confronti degli avversari. Questo è quello che fanno molti atleti di sport vari: si creano dei limiti da soli.

Dal 1994 studio la programmazione neuro-linguistica e la mente umana. L’esperienza m’insegna che anche nello sport - come nella vita di ogni giorno - la mente condiziona, in positivo o in negativo, le performance delle persone.

Il Tuo modo di parlarti, i Tuoi pensieri, le Tue credenze e i Tuoi atteggiamenti, condizionano tutta la Tua attività sportiva. Tutto passa attraverso la Tua mente; è l’uso della Tua mente che fa la differenza. Nel bene e nel male.

Uno dei pericoli maggiori per gli sportivi e, soprattutto, per gli atleti che gareggiano a certi livelli, è rappresentato dalle proprie credenze.

Credere in partenza che non riuscirai “a vincere la partita”, oppure “a colpire bene la pallina per metterla in buca”, ed ancora “a calciare il rigore per far goal”, è una convinzione limitante, che Ti metterà in uno stato d’animo negativo e Tu, puoi star sicuro che non riuscirai a fare nulla di quanto detto.

Ma c’è di più: essendo il Tuo cervello LETTERALE (ovvero, che prende alla lettera ogni comando che Ti dai), il solo DUBBIO di “non riuscire a calciar bene il rigore” basterà per fartelo sbagliare.

Le credenze rappresentano le Tue più profonde convinzioni, quello che credi sia giusto o sbagliato. Vero o falso. Sono i principi guida che influenzano ogni Tuo comportamento. La mia mappa del mondo, la Tua, la nostra e quella di tutte le persone, si fonda principalmente su di loro (ma anche su valori e pregiudizi).

In base alle Tue credenze/convinzioni, filtri il mondo intorno a Te e Ti convinci che quella cosa è giusta o sbagliata, che quell’altra puoi o non puoi farla, che quella performance sportiva è alla Tua portata o non potrai mai realizzarla.

Così, finisci per fare (comportarti, agire) quello che le Tue CREDENZE Ti indicano, o meglio: Ti ordinano.

Ti stanno dicendo che non vincerai ma nulla? Mi dispiace, il Tuo inconscio farà di tutto per prenderti alla lettera e finirà per sabotare sistematicamente le Tue prestazioni sportive.

Devi sapere che le Tue credenze/convinzioni generano dei comportamenti. I comportamenti, possono consolidarsi nel tempo sino a diventare delle vere e proprie credenze “limitanti”.

Per esempio: se mentre stai per entrare in campo cresce in Te il dubbio di non essere capace di fare una buona partita, mandi inconsciamente un messaggio al Tuo cervello che, prendendo alla lettera tutto ciò che gli dici, Ti accontenterà e durante la gara perderai tutti i palloni, sbaglierai tutti i passaggi ed avrai paura dei contrasti.

Risultato finale: il Tuo cervello Ti avrà preso alla lettera, trasformando i Tuoi dubbi in realtà.

Se ciò è vero per le credenze limitanti, fortunatamente è altrettanto vero per quelle potenzianti, quelle che possono aiutarti a fare delle performance eccellenti.

Basterebbe “imparare a nutrire” la Tua mente di CREDENZE POSITIVE per aiutare il Tuo inconscio a lavorare per Te, gratuitamente. Ripeto: GRA-TU-ITA-MENTE!!!

Se impari a sostituire le Tue credenze limitanti con altre credenze, positive e potenzianti, sei in grado di guidare la Tua mente.

Ricordati che il SUCCESSO di qualunque sportivo è il frutto delle Sue credenze. Quindi: CREDENZE POSITIVE + MOTIVAZIONE + PERFORMANCE SPORTIVE = SUCCESSO.

Termino con una bellissima frase del grande Jury Chechi: “Ogni sogno è possibile se ci credi sino in fondo”. Lascia un commento al post e fammi conoscere le Tue credenze limitanti come sportivo.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach Sportivo
“Che aiuta le persone a raggiungere un obiettivo in 5 passi”

Autore dell’ebook motivazionale Penso Positivo e del programma di coaching mentale per aiutare gli sportivi a raggiungere gli obiettivi, chiamato: “Mental Coaching per Obiettivi in 5 Passi”.

Nessun commento: