Pagine

giovedì 28 agosto 2008

Il Mental Coach Sportivo...

Colui che allena la mente degli sportivi e li aiuta a raggiungere i propri obiettivi.

Sapevi che quello che pensi e immagini nella tua mente, prima e durante una partita, una gara o una prestazione sportiva, determina i risultati che raggiungi?

L’altro giorno ho ricevuto un’email in privato, di Chiara, una ragazza che nuota a livello agonistico, che dopo aver navigato nel blog e letto qualche articolo mi chiedeva:

“Questa primavera mi allenavo a più non posso, sia in palestra per tonificare il fisico sia in vasca, ogni giorno. Arrivavo a fine settimana e mi sentivo un vero e proprio uragano, pronta ad entrare in piscina e fare vasche su vasche. Stavo bene con me stessa. Eppure, puntualmente ad ogni gara, dopo le prime due/tre vasche, mi accorgevo di aver già perso tutta la carica e paradossalmente ero anche a corto di fiato. Le chiedo, signor Fornei, se sia possibile una cosa del genere. Grazie per la risposta. Chiara M.”

Ho già risposto in privato a Chiara e approfitto della sua domanda per scrivere questo post, che mi permette di spiegare alcune cose sul funzionamento della mente umana.

Per prima cosa devi sapere che la tua mente è potentissima, e prende alla “Lettera ogni Comando che gli dai”. Il Tuo dialogo interno, così come quello di qualsiasi altro sportivo, determina i tuoi risultati e spesso, quando è un dialogo limitante, annulla tutto l’allenamento fisico che hai fatto in settimana.

Quello che ti dici è importante, anzi, oserei dire fondamentale (leggi gli articoli che trovi a fine post).

E’ probabile che nel caso di Chiara, forte delle esperienze negative precedenti, la ragazza entrasse in acqua ripetendosi continuamente “non devo arrendermi, mi sono preparata tutta la settimana e non devo mollare proprio ora”.

Il cervello di Chiara, come il tuo ed anche il mio, è un sistema cibernetico e prende alla LETTERA OGNI COMANDO CHE GLI DIAMO. Tieni conto che ogni volta che gli diamo un comando (positivo o negativo che sia), il nostro cervello lo associa a delle immagini interne e lo esegue.

E’ importante che Tu sappia che NON esiste un’immagine del NON, quindi, nel caso dell’ipotesi di comando a Chiara, il suo cervello trasforma il “non devo arrendermi, mi sono preparata tutta la settimana e non devo mollare proprio ora” in un fantastico “devo arrendermi, devo mollare proprio ora”.
Da ciò, capisci che non è sufficiente allenare il fisico e la tecnica, bensì è necessario usare un dialogo interno motivante e potenziante, solo con comandi in forma positiva. I più grandi sportivi di ogni secolo (leggi il mio articolo su Phelps) oltre ad un allenamento costante e programmato, hanno anche un atteggiamento mentale costruttivo, motivante che li porta ad accedere alle grandi risorse e potenzialità che sono dentro di loro.

Il primo a capire dell’importanza di “allenare anche la mente” è stato il celebre allenatore di football americano Vince Lombardi, famoso anche per il suo libro “Run To Daylight”. Negli Stati Uniti è così nato il Coaching e di riflesso, le prime figure di coach. Oggi, in qualsiasi ambiente sportivo, si parla di coaching sportivo e di mental coaching.

Ma chi è questo “Mental Coach Sportivo”?

Il Mental Coach Sportivo è colui che allena la mente degli sportivi e li aiuta a raggiungere i propri obiettivi. Evito di entrare nello specifico della parola coach, che sono certo conosci ormai bene.

Mi soffermo su quello che un buon mental coach sportivo dovrebbe fare. Sostanzialmente solo due cose:

  1. aprire la mente degli atleti facendogli vedere le cose da una prospettiva diversa;
  2. aiutarli a definire nei minimi particolari i propri obiettivi nonché a trovare gli strumenti e le risorse per raggiungerli.

I risultati che raggiungi nello sport sono il frutto della sapiente combinazione e miscelazione di 4 elementi fondamentali e indispensabili (nella vita sono identici, manca solo il primo elemento):

  1. Allenamento fisico;
  2. Sapere quello che Vuoi;
  3. Avere il giusto Atteggiamento Mentale;
  4. Saper gestire le Risorse che possiedi.

Mentre il primo elemento è di esclusiva competenza di un buon preparatore atletico o allenatore. Il Mental Coach può esserti di valido aiuto nello sviluppo degli elementi 2, 3 e 4. Spesso, può fare la differenza tra la semplice partecipazione e vincere.

Elemento n°2 – sapere quello che vuoi.
Un buon mental coach sportivo, ti aiuta a “capire chi sei e che cosa vuoi”, definendo con te gli obiettivi sportivi e agonistici da raggiungere, nonché un percorso specifico da seguire. E’ importante che impari a definire gli obiettivi in maniera positiva e metterli sempre per iscritto.

Per esempio: “voglio qualificarmi per le semifinali” è un obiettivo formulato bene. “Non voglio essere eliminato dalla prima batteria” è un obiettivo formulato male.

Elemento n°3 – avere il giusto atteggiamento mentale.
Naturalmente, conoscere gli obiettivi sportivi che intendi raggiungere, da solo non basta. Devi accompagnare questa conoscenza con il “giusto atteggiamento mentale”.

Ecco che allora è importante Pensare in Positivo, accrescere ed alimentare continuamente la tua Autostima, trovare gli stimoli per Motivarti in ogni circostanza, sviluppare convinzioni e abitudini potenzianti.

Elemento n°4 – saper gestire le risorse che possiedi.
Dopo che hai capito quali obiettivi Vuoi raggiungere ed hai acquisito l’atteggiamento mentale giusto, hai bisogno di “saper usare e gestire le risorse che già possiedi”. Troppo spesso cerchiamo di acquisire nuove tecniche e nuove conoscenze, senza valorizzare prima quelle che possediamo già. E’, soprattutto, senza imparare a gestirle al meglio.

In PNL (programmazione neuro-linguistica) esistono alcune tecniche fantastiche per valorizzare e gestire al meglio le risorse che abbiamo dentro di noi. Si chiamano: Visualizzazione, Ancoraggio, Riscaldamento mentale, Focalizzazione, Gestione degli Stati d’Animo, ecc.

Riassumendo: se impari a istruire la tua Mente (ricorda che esegue i comandi alla lettera), sarai in grado di migliorare in maniera decisiva qualsiasi tipo di performance sportiva. Ma la meraviglia delle meraviglie è che tutto questo potrai ottenerlo in maniera naturale, usando in modo appropriato e valorizzando al meglio le risorse fisiche e mentali che hai già.

Credimi, in oltre 22 anni che operò nel campo delle risorse umane, devo ancora conoscere una sola persona che non possieda già delle risorse. Tutti ne hanno, chi più chi meno. Il problema è che spesso, le persone non sanno di possederle e pertanto, non le usano. Nei prossimi post ti racconterò alcuni simpatici episodi che mi sono capitati.

Secondo una ricerca del 2003 della British Psychology Society, l’allenamento mentale proposto in maniera professionale ed integrato nel programma di allenamento globale, può migliorare le prestazioni fino al 57%. Secondo altre fonti, l’atteggiamento mentale può incidere sulla performance sportiva addirittura per il 90%.

Indipendentemente quale percentuale statistica Vuoi prendere in considerazione, resta il fatto che anche il 57% è un numero importante, che deve farti pensare che oltre alla preparazione fisica è importante anche quella mentalmente.

Se Vuoi imparare a Vincere, cerca un buon “Mental Coach Sportivo” e affidati a lui. Come diceva Virgilio: “Segui un esperto”.

Hai già lavorato con un mental coach?
Lasciami un Tuo commento al post.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale, Scrittore &Mental Coach
"Il Coach delle Donne"

  • Vuoi organizzare una mia conferenza/convegno sull'allenamento mentale nella tua squadra/citta? scrivimi a info@giancarlofornei.com - o chiamami al 392/27.32.911
  • Autore dell'audio corso in formato mp3 "Come Allenare la Mente a Vincere nello Sport"


  • Ps. Alcuni dei miei articoli più interessanti sulle potenzialità del cervello:

    Nessun commento: